Fotoringiovanimento

Cosa si intende per fotoringiovanimento?

Con il termine di ‘fotoringiovanimento cutaneo’ si intende un insieme di procedure dermatologiche che, mediante l’uso di particolari sorgenti di luce laser, generano effetti biologici correttivi non ablativi nei tessuti alterati da fotoinvecchiamento (danno solare), invecchiamento cronologico (età), patologie con particolare coinvolgimento del distretto vascolare (couperose e rosacea), ed alterazioni acquisite della pigmentazione cutanea (lentiggini, melasma etc.)


Come funziona il fotoringiovanimento?

Nel fotoringiovanimento vengono rilasciati impulsi di luce laser che vengono assorbiti dal tessuto bersaglio. I trattamenti richiesti variano a seconda della condizione cutanea della pelle e delle problematiche cutanee su cui bisogna intervenire. Le sedute durano dai 15 ai 30 minuti e vengono effettuate da personale medico. Il trattamento provoca solo una piacevole sensazione di calore sulla pelle, che può perdurare anche nei trenta minuti successivi, ed in genere non è richiesta alcuna anestesia. Ricordiamo infine che il fotoringiovanimento laser non ablativo è indicato per uomini e donne di tutte le età e di tutti i fototipi cutanei.


Quali sono i benefici del fotoringiovanimento?

Miglioramento delle rughe

Uniformità della pigmentazione

Breve periodo di recupero

Una cute più sana, luminosa e morbida

Una riduzione dei pori della cute

Un tono migliore

Riduzione del rossore e degli arrossamenti improvvisi

Mi devo sottoporre ad una visita prima di inizare i trattamenti?

Certamente sì. Effettueremo innanzitutto un’analisi computerizzata del viso Visia per stabilire e quantificare le imperfezioni estetiche ove agire. Verranno quindi analizzate al computer: rughe, presenza di pori del volto, presenza di porfirine, alterazione del colorito relativa al proprio fototipo cutaneo, alterazione dell’uniformità cutanea, danni da raggi UV (solari o da lampade abbronzanti), capillari e teleangectasie. A seguito dell’analisi computerizzata del volto, verranno discusse con il paziente tutte le opportunità di intervento e le tecniche impiegate per migliorare le varie alterazioni cutanee presenti.

Come avviene la diminuizione progressiva delle rughe del volto?

Il laser non ablativo favorisce un riempimento progressivo delle rughe mediante neo-formazione di collagene autologo per la stimolazione dei fibroblasti, quindi proveniente dal nostro stesso organismo.

La tecnica consiste nell’effettuare, su una cute adeguatamente preparata, ripetuti passaggi laser in maniera da ricoprire tutta la zona interessata. E’ un intervento praticamente indolore, rapido e veloce, che non richiede alcuna convalescenza né particolari attenzioni dopo la seduta da parte del paziente.

Le rughe rappresentano lo stadio finale di un danno progressivo protrattosi nel tempo subìto dal derma, ove il collagene risiede, e che fornisce alla cute, in situazioni di normalità, caratteristiche di flessibilità e resistenza. Il laser agisce a livello delle zone danneggiate, stimolando una nuova formazione di collagene; queste fibre collagene neoformate aumentano di volume, rimpiazzano le fibre collagene alterate e migliorano l’aspetto della ruga partendo dalla superficie sottostante.

Il laser non ablativo si dimostra quindi estremamente delicato, in quanto non provoca alcun taglio, abrasione o bruciatura della superficie cutanea: quindi, nessuna visibilità dopo il trattamento.

Il fotoringiovanimento, per riassumere…

Il fotoringiovanimento laser rappresenta uno degli ultimi e più eccitanti presidi cosmetici in laser terapia oggi a disposizione dei dermatologi. Questo trattamento è la scelta ideale per tutti coloro che desiderano un intervento efficace ed al tempo stesso rapido e delicato per ringiovanire e rivitalizzare la propria pelle.

Il fotoringiovanimento laser è quindi diventata la procedura di scelta per le persone che desiderano migliorare la propria pelle danneggiata dal sole, dall’età o da esiti cicatriziali post-acneici.

E’ clinicamente provato che alcune fonti luminose di luce laser riducono le rughe aumentando la produzione di collagene. Oggi, le persone che vogliono trarre i benefici dalla tecnologia laser per ridurre le rughe e gli inestetismi del viso, ma al tempo stesso sono scoraggiati dalla paura del dolore e dalle conseguenze postoperatorie di un intervento invasivo, hanno una differente opportunità.
Poiché la procedura è altamente selettiva sulla cute e risparmia l’ epidermide, il laser può essere impiegato su tutti i fototipi cutanei, dal soggetto chiaro al fototipo scuro,e non esistono in genere rischi di iperpigmentazione post-infiammatoria.